Roma, 28 Febbraio 2024  
HOME
Marco Causi

Professore di Economia industriale e di Economia applicata, Dipartimento di Economia, Università degli Studi Roma Tre.
Deputato dal 2008 al 2018.

La soluzione più conveniente non è sempre quella liberistica del lasciar fare e del lasciar passare, potendo invece essere, caso per caso, di sorveglianza o diretto esercizio statale o comunale o altro ancora. Di fronte ai problemi concreti, l´economista non può essere mai né liberista né interventista, né socialista ad ogni costo.
Luigi Einaudi
 



23/06/2015 M.Causi
Fisco: Causi, si´ riforma catasto a invarianza gettito
Infondate le paure, paletti ci sono (ANSA) - ROMA, 23 GIU - "I metodi di stima catastale sono fermi al 1939, l´ultima revisione degli estimi e´ del 1989, oggi sono frequenti casi di valori catastali di immobili nelle periferie urbane superiori a quelli dei quartieri di pregio dei centri storici", e questo "distorce" l´impatto di imposte come IMU e TASI. Cosi´ Marco Causi, capogruppo PD in Commissione Finanze alla Camera, a proposito della riforma del catasto.
"Tutti questi sono buoni motivi per varare la riforma", afferma Causi, sottolineando che "sul piano tecnico, lo schema di decreto predisposto nell´ambito della delega fiscale contiene una clausola stringente di invarianza di gettito, attraverso l´abbassamento delle aliquote. Alcuni manifestano la paura che i Comuni potrebbero non ottemperare. La palla, pero´, non e´ in mano ai Comuni, ma al Governo, perche´ le aliquote base dei tributi comunali sono decise dalla legge nazionale, e la riforma prevede che i nuovi estimi non entreranno in vigore (parliamo comunque di non prima di cinque anni) se non viene emanato un decreto governativo di abbassamento di tutte le aliquote. Le stime allarmistiche diffuse dai giornali di oggi non tengono conto di questo preciso vincolo presente nel testo del decreto".
Per Causi, "la riforma contiene nuovi e importanti paletti di garanzia per i contribuenti" e "risolve in modo strutturale - modificando la metodologia di calcolo - la questione dei macchinari "imbullonati" negli stabilimenti produttivi, che vengono esclusi dalla stima del valore catastale".
"In conclusione, la paura di un aumento generale delle imposte sulla casa e´ immotivata. Una volta rideterminate le aliquote base, ci saranno situazioni di adeguamento delle imposte sia verso l´alto che verso il basso, con un generale effetto di perequazione. A beneficiare delle riduzioni saranno soprattutto i quartieri periferici delle grandi citta´ e le nuove costruzioni, quindi le famiglie mediamente piu´ giovani, mentre a subire gli aumenti saranno i quartieri dei centri storici e quelli di pregio di piu´ antica costruzione, le cui vecchie stime catastali sono molto distanti dai valori di mercato", conclude. 

<< INDIETRO
 
agenda 
in parlamento 
rassegna stampa 
contatti 
link 
liberi scambi 
roma 
saggi e scritti 
biografia 

cerca nel sito


 
Copyright © 2024 Marco Causi - Privacy Policy - made in Bycam