Roma, 15 Settembre 2019  
HOME
Marco Causi

Professore di Economia industriale e di Economia applicata, Dipartimento di Economia, Università degli Studi Roma Tre.
Deputato dal 2008 al 2018.

La soluzione più conveniente non è sempre quella liberistica del lasciar fare e del lasciar passare, potendo invece essere, caso per caso, di sorveglianza o diretto esercizio statale o comunale o altro ancora. Di fronte ai problemi concreti, l´economista non può essere mai né liberista né interventista, né socialista ad ogni costo.
Luigi Einaudi
 



19/12/2012 Marco Causi
Trasporto locale: Causi (PD), Roma parteciperà al riparto del Fondo nazionale
19/12/2012 Agenparl
Trasporto locale: Causi (PD), Roma parteciperà al riparto del Fondo nazionale
Durante l´esame del decreto correttivo su Roma capitale, stamattina la Commissione bicamerale sul federalismo fiscale ha approvato un emendamento presentato dal PD, a firma Marco Causi, che prevede che nel riparto del Fondo nazionale per il trasporto pubblico locale a Roma capitale spetti una quota di risorse determinata sulla base dei criteri adottati per ripartire il Fondo fra le Regioni. La decisione dovrà avvenire d´intesa fra la Regione Lazio e il Comune di Roma capitale. Le risorse saranno erogate direttamente al Comune. "E´ un´importante svolta per il sistema del trasporto pubblico romano" commenta Marco Causi, Vicepresidente PD della bicamerale. "Il contenzioso fra Regione Lazio e Comune di Roma sui fondi del trasporto, e gli enormi ritardi con cui la Regione trasferisce le somme di sua competenza al Comune, sono all´origine delle difficoltà finanziarie di Roma. Alemanno ha pensato di risolvere il problema con il piano di rientro dei debiti maturati prima del 2008, con un atto di accusa rivolto alle amministrazioni precedenti, ma a quattro anni di distanza la montagna dei debiti regionali verso il Comune è sempre lì". "L´emendamento, approvato con il voto di tutti i gruppi parlamentari esclusa la Lega Nord, introduce una novità: il riparto del nuovo Fondo nazionale per il TPL, che nasce nella legge di stabilità 2013, dovrà prevedere una specifica quota per Roma. E questa quota dovrà essere concordata fra Regione e Comune, aprendo così la strada a una nuova stagione in cui i due principali enti da cui dipende la qualità dei servizi pubblici per la più grande area metropolitana italiana dovranno abbandonare litigi e sospetti e costruire una pratica concreta di condivisione e co-decisione".
 

<< INDIETRO
 
agenda 
in parlamento 
rassegna stampa 
contatti 
link 
liberi scambi 
roma 
saggi e scritti 
biografia 

cerca nel sito


 
Copyright © 2019 Marco Causi - Privacy Policy - made in Bycam